venerdì 26 aprile 2013

La mia torta 900...


La tradizione racconta che la torta 900 fu inventata a cavallo del secolo 800 con quello del 900 (da qui il suo nome), dal pasticcere di Ivrea Bertinotti. Già ai tempi, il grande maestro decise di tutelarne la sua diffusione, che fu riservata esclusivamente alla famiglia Balla e che ancora oggi è l’unica a possedere l’originale versione di questo soffice pandispagna al cacao farcito con una golosa crema che lascia un segno memorabile al palato.
Come si usa dire, non tutte le ciambelle escono col buco… e, dal momento che amo le sfide, perché non rielaborare la torta 900 secondo quelli che sono gli ingredienti che il mio gusto ha riconosciuto come parte integrante di questa squisita e segretissima torta!?
Provatela e non ne rimarrete delusi…

INGREDIENTI:

(per l’impasto)
180 gr cioccolato al latte
90 gr burro
6 uova
1 pizzico di sale
130 gr zucchero
100 gr farina 00
1 bustina di lievito per dolci

(per la crema)
100 gr nutella
200 gr mascarpone

(per la decorazione)
zucchero a velo








PREPARAZIONE:

In un pentolino fare sciogliere il cioccolato ridotto a pezzetti con il burro, fino ad ottenere una crema omogenea. Tenere il fuoco molto basso e continuare a mescolare con un cucchiaio di legno. Io metto a contatto con la base del pentolino il burro e poi il cioccolato per evitare che quest’ultimo si attacchi al fondo.
Versare la crema in un contenitore, aggiungere lo zucchero ed i tuorli delle uova.
A parte montare gli albumi delle 6 uova, aiutandosi con un pizzico di sale.
A questo punto aggiungere gli albumi al composto di cioccolato. Mescolare con una spatola sempre dal basso verso l’alto. Aggiungere la farina, il lievito e mescolare il tutto.

Imburrare una teglia rettangolare 40x28 cm, depositarvi sopra il composto e cuocere nel forno preriscaldato a 160° statici per circa 30 minuti. La torta è cotta quando i bordi si saranno staccati dalle pareti della teglia, pur risultando ancora morbida sulla superficie.
Spegnere il forno e lasciare qualche minuto dentro, sfornare dopo 10 minuti circa.

Appena inforno il dolce, mi occupo della preparazione della farcia. Mescolo la nutella insieme al mascarpone e metto il composto ottenuto in frigo.

Una volta sfornata e raffreddata la torta, incido una croce in modo da ottenere 4 rettangoli omogenei. Questa procedura mi aiuterà nello spostamento del pandispagna sul piatto di portata.
Prelevo due rettangoli (il 1° ed il 3°) e li sistemo affiancati (dal lato più largo) su di un piatto. 
Procedo spalmandovi sopra tutta la farcia al mascarpone 
...e concludo sistemando sulla superficie gli altri due rettangoli affiancati.



Spolvero sulla torta dello zucchero a velo.Prima di servire lascio raffreddare il dolce qualche ora in frigorifero, di modo che la farcia si solidifichi al punto giusto.



“I Maya credevano che il cacao avesse il potere di liberare desideri nascosti e di svelare il destino.”
Dalla commedia Chocolat




martedì 23 aprile 2013

Lasagne verdi agli asparagi...

CENTESIMA RICETTA!!!

Mi piace pensare che la bella stagione si stia inevitabilmente facendo spazio… e quindi vorremo mica rinunciare al gusto a tavola per raggiungere il peso forma ideale in grado di farci superare la prova costume a pieni voti!?
Oggi vi dimostrerò come sia possibile continuare a viziare il vostro palato con i piatti che più ci stuzzicano cercando però di cucinarli per mezzo di cotture più salutari e senza l’apporto di notevoli quantità di grassi… facilmente evitabili!
Sono pronta per mettermi ai fornelli nell’ardua impresa della rivisitazione di un “must” della tradizione culinaria italiana… lasagne, oggi in esclusiva per voi vegetali!!!







INGREDIENTI: (dosi per una teglia da 14x25 cm, per due persone)

7 asparagi freschi
1 dado vegetale
1 noce di burro
noce moscata qb
300 gr latte scremato
 20 gr farina 00
185 gr passata di pomodoro
8 sfoglie di pasta per lasagne agli spinaci
parmigiano qb







PREPARAZIONE:

Pulire gli asparagi privandoli della base troppo dura, sciacquarli sotto l’acqua corrente, tagliarli a losanghe e metterli a bollire in poca acqua arricchita con ½ dado vegetale. Scolarli quando ancora risultano croccanti.
Per preparare la rapida besciamella light, mettere all’interno di un pentolino il latte, la noce moscata, la noce di burro, ½ dado vegetale e la farina. Con una frusta a mano e col fuoco molto debole continuare a mescolare fino a che la salsa non si rapprenda.
A questo punto aggiungerci la passata fresca di pomodoro, in modo da ottenere un condimento omogeneo e rosato.
Fare scottare per 2 minuti le sfoglie di pasta in abbondante acqua salata, scolarle sotto l’acqua fredda.
Iniziare ora a comporre gli strati.
Cospargere la base della teglia 14x25 cm con una buona dose di salsa di besciamella, procedere con uno strato di pasta a cui si sovrapporranno un po’ di asparagi, altra besciamella ed una spolverata moderata di parmigiano. Continuare nella preparazione della lasagna fino ad ultimare tutti gli strati.
Concludere con un generoso manto di salsa alla besciamella.
Cuocere nel forno preriscaldato a 200° per 30 minuti.

Garfield: "Hai detto -piatto-? La lasagna non è un -piatto- è un modo di vita, uno stato d'animo, un'impresa dell'uomo perfettamente riuscita! Cos'hanno servito gli indiani ai pellegrini? Lasagne! ... Cosa disse Neil Armstrong quando mise piede sulla luna? È una piccola fetta di lasagna!...Non è un -piatto-. È roba da sogno... è il cibo degli déi... è quanto c'è a pranzo". 
Tratto dal film "Garfield2"

domenica 21 aprile 2013

Japanese Cotton Cheesecake


Recentemente ho scoperto una passione incondizionata nei confronti delle cheesecake… ho iniziato con una “classica” versione al forno, ovviamente rivisitata da me, per una piccola percentuale; fino alla scoperta di una nuova e soffice versione dove il formaggio cremoso dona a questo dolce una consistenza talmente soffice e spumosa, tale da definirla “Cotton Cheesecake”.
La sua peculiarità risiede nella leggerezza che la contraddistingue. È un dessert molto appagante, in grado di soddisfare i palati dei più golosi ed anche quelli che apprezzano maggiormente gusti poco incisivi, ma piuttosto semplici.
Vi consiglio caldamente di testare questa ricetta, non richiede molta tecnica, ma solo una cottura piuttosto prolungata rispetto ai classici standard.
Se poi, decideste di accompagnarla con un ciuffo di panna montata, prometto che non ve ne pentirete!!!






INGREDIENTI:

2 uova intere
90 gr zucchero semolato
150 gr formaggio cremoso
50 ml latte (io ho usato il parzialmente scremato)
50 gr farina 00
25 gr burro fuso + qb per ungere lo stampo
1 cucchiaino abbondante lievito per dolci
2 pizzichi sale
½ limone




PREPARAZIONE:

In un recipiente montare a neve i due albumi con un pizzico di sale, una volta quasi montati aggiungere i 90 gr di zucchero semolato.
In un altro contenitore montare, sempre con le fruste elettriche, 150 gr di formaggio spalmabile, con i 50 gr di latte, i 2 tuorli, 50 gr di farina, 25 gr di burro fuso al microonde, 1 cucchiaino di lievito per dolci ed un pizzico di sale.
A questo punto unire gli albumi montati a neve al composto con il formaggio, avendo cura di mescolare con un cucchiaio di legno dal basso verso l’alto, per evitare che il composto si smonti, ma aiutandolo ad incorporare costantemente aria.
Aggiungere ora il succo di mezzo limone biologico.
Prendere uno stampo (non a cerniera, io ho usato quello di silicone) del diametro di 18 cm, ungerlo sulla base e sui bordi con del burro e ritagliare un pezzo di carta forno a cerchio da applicare sul fondo della tortiera; prelevare altre due strisce di carta forno da fare aderire ai bordi imburrati, di modo che lo stampo risulti più alto.
Imburrare ed infarinare nuovamente la superficie della carta forno che verrà a contatto con l’impasto.
Versare il composto e, per la cottura a bagnomaria, depositare la teglia all’interno di una pirofila più ampia e dai bordi alti, che verrà riempita con dell’acqua, fino a coprire metà della teglia della torta.
Cuocere nel forno preriscaldato a 180° per 1 ora e un quarto.
A fine cottura, la superficie della torta risulterà ambrata. Toglierla dal bagnomaria e lasciarla raffreddare in forno.







Fat Amy: “lo farò fuori come una cheesecake!”
Dal film “Voices” 2012


venerdì 19 aprile 2013

Soffici panini agli spinaci con semi di girasole







Ormai sono partita per la tangente con la partecipazione ai contest che più mi affascinano… cerco di unire l’utile (riuscire a pubblicizzare il mio blog e conoscerne di nuovi), al dilettevole (smanettare in cucina)!
La seconda “gara” in cui mi sono imbattuta e che mi ha incuriosita a tal punto da decidere di partecipare è il contest “Impastiamo”, proposto dalle blogghine di Deliziandovi.it.
Mettere le mani in pasta è, in qualche modo, l’esperienza che, in assoluto, più mi realizza in cucina, così, non appena ho letto che l’evento richiedeva una preparazione salata che prevedesse necessariamente un impasto manuale… beh non potevo che sentirmi tirata in causa.
La ricetta che propongo punta sulla semplicità che paga. Ho deciso di fare delle pagnottelle alle verdure che richiedono non molto tempo nella preparazione ma un’ottima resa… del resto cosa può esistere di più semplice ed appagante di una pagnotta ben cucinata?

INGREDIENTI: (DOSI PER 12/13 PAGNOTTELLE)

180 gr acqua calda + quella che serve per ottenere un panetto liscio ed omogeneo
1 cucchiaino zucchero semolato
1 bustina lievito di birra secco
500 gr farina 00
13 gr sale fino
27 gr burro freddo
90 gr spinaci lessati
15 gr parmigiano grattugiato
35 gr semi di girasole

PREPARAZIONE:

Riempire una tazza con l’acqua calda, versarvi dentro un cucchiaino di zucchero ed il lievito. Mescolare bene con un cucchiaino in modo che spariscano tutti i grumi. Lasciare montare il lievito per qualche minuto.
Intanto depositare gli spinaci bolliti in un contenitore ed ottenere una crema frullandoli con il mixer ad immersione.
Munirsi di un ampio recipiente e depositarvi dentro la farina ed il sale, mescolare bene con le mani. Unire anche il burro tagliato a  tocchetti e frantumarlo in briciole con la punta delle dita. A questo punto unire gli spinaci frullati, il parmigiano, i semi di girasole ed il lievito montato nell'acqua calda. Cominciare ad impastare energicamente, è possibile che l’impasto richieda ancora qualche goccia d’acqua, ma non molta.
Una volta ottenuto un panetto liscio ed omogeneo dividerlo in 13 parti del peso di 70 gr circa l’una. Ottenere tante palline da disporre ben distanziate su una teglia rivestita con carta da forno.
Lasciare lievitare per 40 minuti.
Preriscaldare il forno a 180° ventilati e dopo qualche minuto infornare le pagnottelle e farle cuocere per 15 minuti. Spegnere il forno ed attendere qualche minuto prima di sfornarle.





















Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...