martedì 28 maggio 2013

Crostata pesche e amaretti


L’ispirazione in cucina porta alla creatività, il che tradotto sta a significare che più si crea e più si è riuscita a cogliere l’ispirazione giusta che quel momento ci ha regalato…è bello vedere sempre acceso il desiderio di dare libero sfogo alle proprie passioni. Questa mattina la mia ispirazione mi ha condotta verso un dolce piuttosto goloso, ma molto semplice, genuino, di quelli sui quali si investe, ma che regala un effetto ancora più strabiliante rispetto alle iniziali aspettative…lasciatevi sorprendere e scoprire, in fondo sono quei sentimenti che più ci mantengono vivi…

INGREDIENTI:

(per la farcia)
135 gr amaretti secchi
1 bustina vanillina
11 gr cacao amaro in polvere
40 gr zucchero semolato
1 e ½ pesca
1 uovo

(per la frolla)
125 gr farina 00
65 r zucchero semolato
65 gr burro freddo
52 gr uovo




PREPARAZIONE:

Per prima cosa sbriciolare gli amaretti in un contenitore, unirci la vanillina, il cacao amaro e lo zucchero semolato. A questo punto con un cucchiaio iniziare a dare una mescolata a tutti gli ingredienti.
Aggiungere le pesche sbucciate e tagliate a cubetti molto piccoli. In ultimo aggiungere anche l’uovo ed amalgamare bene tutto con un cucchiaio. Lasciare riposare il composto per il tempo della preparazione del guscio di frolla.

Per la frolla, in un recipiente a parte mescolare la farina con i 65 gr di zucchero e i 65 gr di burro tagliato a tocchetti piccoli. Una volta che l’impasto risulti ben sbriciolato, aggiungere ½ uovo ben sbattuto, io l’ho pesato ed erano 52 gr circa.
Stendere la pasta frolla su di un foglio di carta forno ben infarinato. Avere l’accortezza di tenere da parte una piccola dose di frolla per la decorazione. Rivestire uno stampo di 20 cm di diametro con il guscio di frolla e farlo cuocere nel forno preriscaldato a 180° ventilati per 10 minuti.
Trascorsi i dieci minuti di iniziale cottura, sfornare il guscio e riempirlo con la farcia agli amaretti e pesche, creare una decorazione della forma che preferite, io ho fatto due cuoricini spennellati con l’uovo sbattuto rimanente. Ultimare la cottura della torta a 180° ventilati per altri 15/20 minuti e lasciarla qualche secondo ancora in forno prima di sfornarla.

 Butch: Prendo la tua Honda. Tornerò prima che tu riesca a dire “crostata di mirtilli”.
Fabienne: Crostata di mirtilli.
Butch: Forse non così presto, ma abbastanza presto, d’accordo?”
Pulp Fiction

venerdì 24 maggio 2013

Crackers al Gomasio



Questa ricetta è stata custodita nel mio ricettario per molto tempo… c’è un profondo legame affettivo che mi lega a questa preparazione… i crackers sono da sempre stati lo spezza fame delle pause pranzo del mio babbo… erano una continua richiesta ogni due giorni perché la loro leggerezza e friabilità li rendono stuzzicanti e mai stucchevoli! … il sapore viene loro donato dal gomasio (la ricetta la si trova nel blog), che li rende saporiti al punto giusto.
Cucinare vuol dire anche condividere e, così come mi è stato insegnato, decido di condividere una ricetta tanto preziosa che ha rappresentato innumerevoli e piacevoli pause lavorative… perché per me cucinare per qualcuno è la migliore dimostrazione di quanto si possa tenere a lui…


INGREDIENTI:

300 gr farina 00
10 gr sale fino
85 gr gomasio
70 gr olio evo
100 gr acqua calda

PREPARAZIONE:

Preriscaldare il forno ventilato a 200°.
In un ampio recipiente unire ai 300 gr di farina il sale, aggiungere anche il gomasio e mescolare gli ingredienti insieme.
Aggiungere, a questo punto, i 70 gr d’olio e mescolare bene con la punta delle dita facendo scomparire tutti i grumi.
Unire all’impasto i 100 gr di acqua calda ed impastare energicamente il tutto fino ad ottenere un panetto elastico.
Dividere l’impasto ottenuto in tre parti più o meno uguali, ed infarinando una spianatoia, stendere ognuna delle tre dello spessore di 2mm circa, con l’aiuto di un mattarello.
Ottenere dalle sfoglie dei quadrati da ritagliare con la rotella dentellata usata per gli agnolotti, rifinire i crackers facendo tanti puntini sulla loro superficie con la punta di uno stecchino per gli spiedini.
Cuocere nel forno preriscaldato a 200° ventilati per 10/15 minuti. Sfornarli una volta che siano ben dorati, dopo averli fatti roteare nel forno e cuocere anche vicino alla parte grill.



“L'amore è come la buona cucina, le cose speciali nascono sempre da ingredienti semplici, ma sono rese magiche dalla fantasia...”
Paul Mehis

giovedì 23 maggio 2013

Friabili Cuori di Mela


Penso sia scritto nell’adolescenza di ognuno di noi l’essersi saziati con delle golose colazioni a base di roventi tazze di latte accompagnate dai biscotti più classici e famosi che, nonostante fossero confezionati  in pacchi da un chilo, a casa mia avevano vita breve, esaurivano di settimana in settimana…
Mi sono lungamente documentata per poter riprodurre il più fedelmente possibile alcune delle ricette più classiche di quei biscotti a cui tanto ero legata!
Oggi desidero iniziare da quella più semplice nell’esecuzione e forse anche più sana, un cuore di morbida frutta cotta avvolto da una friabile copertura di pasta frolla!
…Buoni ricordi a voi!!!

INGREDIENTI:
180 gr farina 00 + quella per stendere la frolla
125 gr burro + una noce per cuocere le mele
2 uova
50 gr amido di mais
100 gr zucchero semolato
scorza un limone biologico
1 pizzico sale
1 mela
1 cucchiaio marmellata di albicocca









PREPARAZIONE:
All’interno di un recipiente unire la farina, con le uova, il burro a pezzetti, lo zucchero, l’amido di mais, la scorza del limone ed il pizzico di sale. Mescolare energicamente fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Avvolgerlo all’interno della pellicola e farlo riposare nel freezer per 30 minuti.
Intanto cuocere la mela tagliata a pezzetti molto piccoli; aiutarsi con una noce di burro ed un filo d’acqua. Una volta quasi ammorbidita, unire alla mela la marmellata e terminare la cottura, facendo restringere la parte liquida del ripieno.
Stendere la pasta frolla (dello spessore di ½ cm) tra due fogli di carta forno, eventualmente aiutarsi con un po’ di farina. Ottenere, con l’ausilio di una tazzina, un numero pari di cerchietti, farcirne la metà con un po’ di ripieno alle mele e richiuderli pizzicando bene le estremità.
Cuocere i biscotti nel forno preriscaldato a 180° per 15/20 minuti, fino a doratura.


“E se fossimo solo il Suo peccato originale, l'infrazione, la mela che non doveva mangiare?”
Gesualdo Bufalino

martedì 14 maggio 2013

La mia rivisitazione della torta Zurigo






Spesso succede di dare per scontati dei luoghi che ci sono vicini ma che non abbiamo mai avuto il tempo di visitare; delle emozioni che non abbiamo mai avuto il coraggio di vivere o dei gusti che mai avremmo immaginato ci avrebbero potuto sorprendere…
Pinerolo per me non è così lontana ed ora che ho avuto modo di conoscere meglio il posto, mi sono fatta conquistare da quelle emozioni che erano state un po’ oppresse, mi sono lasciata sorprendere dalla frizzante sensazione di stupirsi di quanto si stia bene in un posto poco lontano da casa, ma soprattutto mi sono concessa di rivisitare un must della tradizione dolciaria di Pinerolo…la torta Zurigo! Due soffici dischi di pandispagna al cioccolato si uniscono con una dolce crema chantilly arricchita da scaglie di cioccolato e torrone, la golosità del dolce culmina con il rivestimento al cioccolato e le ciliegine al rhum ricoperte di glassa.
So bene quanto la ricetta sia ben custodita e, nemmeno lontanamente mi sogno di riprodurla.. però le sfide non sono la cosa più stimolante cui si possa ambire!? …perché poi in fondo quando si raggiunge quello che si desiderava con ottimi risultati, la soddisfazione è così esagerata…! Un grazie a Marco che sa ogni volta sorprendermi con queste chicche!







 INGREDIENTI:
(per la base)
50 gr burro
130 gr nutella
90 gr zucchero semolato
3 uova
1 pizzico sale fino
60 gr farina 00
2 cucchiaini lievito per dolci
1 bustina vanillina

(per la crema chantilly)
200 ml panna fresca da montare
40 gr zucchero a velo

(per la glassa)
100 gr zucchero a velo
2 cucchiai acqua bollente

(per il ripieno e topping)
100 gr torrone alle mandorle
200 gr cioccolato fondente a scaglie
100 gr ciliegine al liquore



PREPARAZIONE:
Per prima cosa preparare la glassa mescolando con una frusta a mano i 100 gr di zucchero a velo con due cucchiai d’acqua messa a bollire in un pentolino. Immergervi le ciliegine e lasciarle raffreddare e rapprendere in frigorifero.

Per la torta:
In un pentolino sciogliere i 50 gr di burro con 130 gr di nutella, una volta sciolti, depositarli in un contenitore ed aggiungere i 90 gr di zucchero semolato e 3 tuorli d’uovo.
A parte montare a neve i 3 albumi con un pizzico di sale. Aggiungerli al composto precedente. Aggiungere a questo punto anche i 60 gr di farina, i 2 cucchiaini di lievito e la bustina di vanillina.
Imburrare uno stampo da 19/20 cm; con della carta forno allungare le pareti per evitare che la torta fuoriesca.
Cuocere nel forno preriscaldato a 180° statici per 25 minuti. Prima di sfornarla lasciarla un po’ nel forno socchiuso.

A questo punto procedere montando la panna con i 40 gr di zucchero.
Tagliare a scaglie molto fini il cioccolato fondente e sbriciolare anche il torrone.

Una volta cotta la torta, sfornarla e lasciarla raffreddare.
Tagliarla a metà e bagnarla con qualche goccia del liquore delle ciliegie. Farcirla con i 2/3 della crema chantilly montata. Spolverizzare all’interno un po’ di scaglie di cioccolato e tutto il torrone. Richiudere la torta con il secondo disco.
Con una spatola rivestire tutta la torta (superficie e bordi inclusi)con la restante panna. Ultimare con le scaglie di cioccolato, fino a riempirla tutta. Decorare la superficie con le ciliegine glassate… che torta sarebbe senza ciliegina sopra!?








“Ogni emozione è un messaggio, il vostro compito è ascoltare…
Gary Zukav

venerdì 10 maggio 2013

Agnolotti del plin ripieni agli asparagi


Questa volta mi sono dovuta sperimentare con un piatto ripieno di origine vegetale… per la preparazione della versione classica sono stata prenotata da una coppia di amici golosi :)
In realtà ho rivisitato un classico della cucina tradizionale e, devo ammettere che, la resa non ci abbia lasciate del tutto indifferenti… alle volte sperimentare e mettersi alla prova corrisponde a mostrare quel pizzico di tenacia che riesce ad appagarci al meglio…


INGREDIENTI: DOSI PER 3 PERSONE
(per la pasta)
300 gr farina 00
3 uova
3 pizzichi sale fino

(per il ripieno)
4 asparagi freschi
2 noci di burro
1 cucchiaio pangrattato
1 cucchiaio parmigiano
½ dado vegetale
vino bianco qb
pepe nero qb










PREPARAZIONE:
Per prima cosa versare in una terrina la farina con il sale, aggiungerci le tre uova e cominciare ad impastare energicamente fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo da avvolgere nella pellicola e da far riposare circa un quarto d’ora, a temperatura ambiente.
Intanto lavare gli asparagi e privarli della base dura, tagliarli in tanti piccoli pezzetti e metterli a cuocere in una base di burro fatto lievemente soffriggere. Sfumarli con un po’ di vino bianco ed aggiungere il dado per permettergli di sciogliersi nel liquido del vino. Pepare ed ultimare la cottura aspettando che gli asparagi si ammorbidiscano. A questo punto versarli in un contenitore e schiacciarli grossolanamente con una forchetta, aggiungerci il pangrattato ed il parmigiano. Amalgamare bene tutta la farcia e farla riposare in frigorifero.
Intanto prelevare la pasta e stenderla con il mattarello molto sottilmente, 3 mm circa.
Disporre tante noccioline di ripieno, in modo da ottenere tante strisce. Chiudere la pasta e pizzicarla in senso verticale tra uno spazio e l’altro privo di ripieno. 

Con una rotella dentellata tagliare i plin partendo dal lato “pizzicato”.

“La vita è una mangiata di pasta”
Martino Ragusa

martedì 7 maggio 2013

Muffin per coccolarsi...


Quella di ieri è stata una di quelle mattinate in cui fai fatica a carburare come inizio settimana...ho pensato che la miglior soluzione potesse essere coccolarmi un pò con una ricettina che mi avvolgesse, come piace tanto a me!
Il risultato ammetto sia stato piuttosto soddisfacente, come esperimento messo in atto all'ultimo minuto e sfruttando gli ingredienti rimasti in dispensa, ha avuto ottimi esiti.
Non mi resta che scriverne la ricetta e lasciare che in qualche modo coccoli un pò anche voi...tutti quanti...i più bisognosi, i coccolosi, ma anche chi ha già la sua giusta dose di affetto, perchè per me non è mai abbastanza!

INGEDIENTI:

1 uovo
70 gr zucchero
50 gr + 25 gr latte scremato
90 gr + 25 gr farina 00
1 pizzico sale fino
1 bustina vanillina
10 gr lievito per dolci
20 gr burro sciolto + qb per gli stampini
15 gr cacao





PREPARAZIONE:

In un ampio recipiente mescolare energicamente con una frusta a mano 1 uovo con 70 gr di zucchero semolato. Proseguire fino ad ottenere una mnousse piuttosto corposa. A questo punto aggiungere nel recipiente 50 gr di latte, i 90 gr di farina, un pizzico di sale, la bustina di vanillina, 10 gr di lievito per dolci ed in ultimo i 20 gr di burro fuso al microonde.
Preparato l'impasto base, metterne in una ciotola a parte 6o gr a cui si andranno ad aggiungere 15 gr di cacao amaro.
Imburrare uno stampo da muffin e depositsarvi sopra il composto al cacao. Infornare nel forno preriscaldato a 180° e cuocere nella modalità ventilata per 10/13 minuti. Una volta sfornato il pandispagna al cacao, ottenere 5 cuoricini di piccole dimensioni, in modo che rientrino all'interno degli stampini da muffin. (il restante io l'ho sbriciolato e usato per guarnire altri dolci: torte, cupcake...).
Intanto nel composto bianco aggiungere ancora 25 gr di farina e 25 gr di latte scremato. Imburrare 5 stumpini da muffin ed in ognuno depositarvi al centro il cuore (avere cura di ritagliare la punta del cuore un pò più piatta in modo che stia più dritto). Disporre intorno ai cuori il composto bianco, in modo che raggiunga la metà dell'altezza degli stampini. Cuocere nel forno preriscaldato a 180° per 10 minuti.

"Siamo angeli con un'ala sola, solo restando abbracciati possiamo volare"
Anonimo


giovedì 2 maggio 2013

Piccanti tortini al cioccolato con cuore morbido


Voce del verbo sedurre: capacità di attrarre a sé l’altro mediante una moltitudine di canali ed attraverso una tecnica molto sottile che, se la vogliamo dire tutta, a mio parere, include, in modo anche piuttosto significativo la capacità di cucinare i piatti giusti con gli ingredienti appropriati…
Non è necessario incanalarsi  in discorsi prolissi, quello che conta è sapere che, nella vita, un tocco di piccante, la giusta provocazione ed una buona dose di sensualità stuzzicano sempre l’altro ed anche in cucina un tocco di peperoncino ci aiuta, almeno in parte, nell’impresa…






INGREDIENTI: (DOSI PER 4 MUFFINS)

60 gr burro + qb per ungere gli stampini
100 gr cioccolato al latte
peperoncino tritato qb
1 uovo
60 gr zucchero
20 gr farina
8 gr cacao amaro in polvere
4 gr lievito

PREPARAZIONE:

In un pentolino fare sciogliere, con il fuoco molto dolce, il burro aggiungendoci la punta di un cucchiaino di peperoncino ed il cioccolato al latte. 
In un recipiente a parte montare con una frusta elettrica l’uovo con lo zucchero, aggiungerci la farina, il cioccolato fuso col burro ed il peperoncino, il cacao ed in ultimo il lievito.
Imburrare 4 stampini. Depositarvi all’interno di ognuno poco impasto, deve arrivare fino a 2/3 del pirottino.
Infornare nel forno preriscaldato a 180° statici per 10/12 minuti. Prima di sfornarli, lasciarli qualche minuto nel forno.
Servirli caldi!

“Le passioni sono come i venti, che sono necessari per dare movimento a ogni cosa, benché spesso siano causa di uragani.”
Bernard le Bovier de Fontenelle




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...